Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/42

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 39 —

0$. Nò, la mossa è gli iuta bona, e pe fa abbedè che Aspettanza aggio acquistata pe buje, mo ave da veni na lagrema zetella, che v’ avite da al lecca lo musso.

Pul.Non potarria essere vedova?

Os. Me faccio maraveglia. Manco no surso d’ acqua nc’ave da essere dinto. Guagliò 4. palle, e lo mierco.

Pul.E che nc’avimmo da fa na partita?

Os. Quello che 6erve per riversare (via e torna col vino).

PiU. Ma chisto e nu scustumato de primma specie.

Os. A vuje tehl che robba , sorseggiale, quanno avite fatto po me facite l’appello (via/.

Vip.(da un litro a Zuc.) Accettate gli onori.

Pros.Sciacquate.

Pul.Nè Zuccariè ? chisti duie nc’ avessero da fà quacchè trademiento?

Zucc.Tu quà trademiento; embè non t’allicuorde chiù comme aggio fatto abbai là a D. Astrubale e a lo marchese. T’ aggio da fà vedè co moglierema, la primma vota che mme disohbedesce, la voglio fa addeventà na granavottola.

Pros.(Lo senti?)

Vip.(Evviva lo faccia d’acciso! ) Nè ? schiammo Ili deta, e facimmoce no pazziariello.

Pros.E dice bene l’amico, ncè site?

Pul.Da no piezzo!

Pros.Tuocco a vuje. ( giocano viene il tocco a

Pros.)

Pul.Cacciate patrone e setto.

Pros.Vuie site lo patrone (a Pul). e vuie lo setto. (a Zucc.)

Zucc.(Pulecenè, Ili voglio manna airnrdemo!)

Pui. (Zuccariè vi che chille ncè vatteno .

Zucc.(con V anello) E io Ile mmosto chiìto e Ili faccio abballi.;