Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/41

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 38 —

paranza. A buje, no surzillo de lo buono si

lo tenite.

Os. Me faccio maraveglia! ccà nce sta paisano e furastiero, terra e mare, monte e chiano; co lu primmo comandamento vuje cacciate lo ghianco, vuje jettate lo russo; vuje fate lo parlamento esceno le lampe; vuje decretate e ccà scioccano le palle *, siccomme arapite la vocca la vriala nganna; la primma parola se zompa lo tompagno; facite no segno vena la pioggia. Sescate, sculate, (queste cose l’artista le dirà con sollecituiine dirigendosi or all’uno ora all’altro, tutti accompagnano la scena)

Pai. Ghisto compromette.

Os. Facite lo segnale.

Pul.Nc’ave pigliato pe telegrafo.

Zucc.(a Pul.) Statte zitto; tu aje ntiso che chillo . a la primma parola zompa lo tompagno’

Os. Chiacchiareate chi adda veni? Pusilleco, Gragnano, Salierno, Avellino, Somma, Proceta, la Puglia, la Calabria, la Sicilia, la Costa, la Lombardia...

Puh Venezia, Maremuorto, Cibilterra, Spagna, Francia, Prussia, America.... che mannaggia Tarma de mammeta ma je levata la capo...

Os. Me faccio...

Pul.Maraveglia! (imitandolo) E che purcaria è chesta, so tre ore che chiacchiarie senza combinà niente; te ne si venuto lu cummannamiento, lo parlamiento, Io scavamento. la parlata, la siscata, lo ghianco, lo russo, lo verde, e che manera è chesta, addò ve site mparata de trattà, e andate nei disertati deserti, e non state nella comune società, che puzzate crepà, e ccà scapezzà, senza pietà, (durante questo discorso tutti fanno la controscena c. s).

Vip.(con freddézza gli dà un bacio al mento) Bella mossa!