Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/40

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 37 —

Pros.Chillo pretenne chello che non le spetta.

Vip Mardelto il monno! Noi abbiassimo formato una sucività fra me e lujo, tulio chello che si guadagna s’ave da sparlare*, ne, signuri mìei, la primma vota che ave aizato lo viaggio chiù gruosso se vo tene chiù assaje.

Pros.Io aggio portato da coppa a cinquanta rotolo de chiù.

Pul.(a Zucc.) Tu vide a chillo; ave avuto da aizà no brutto viaggio.

Vip.Po dice che uno fa correre lo sango, mannaggia la quinziquenzia, pecche quanno uno se trova nfaccia a la faccia de lo luogo... Va là, li doje livere de chiù che t’è pigliato accattone quatte lampe e l’astutammo ncompagnia de ramice.

Pros.Mo m’aje nchiovato! Mpietto a l’amicizia e alla respettanza non se po manca. Date i comandamenti.

Pul.(Ghiste teneno na lengua a parte.)

Vip Nè, miseria de canteniere.

Scena XI v.

Oste e detti.

Os. A sta rocchia.

Pul.Mo me pare che parie malamente mo...

Os. Comm’è parlo malamente? io sto nfaccia a lo rispetto.

Pul.Na vota nce steva.

Os. Che cosa?

Pul.La carrozza de rispetto.

Os. Me faccio maraveglia! La condoglianza nce vo sempe; io songo asciuto, aggio isto stammorra...

Pul.De puorce.

Os. Me faccio maraveglia! Chesta non è quaterna..

Pul.Duje solde pe me.

Vip.Zitto, chillo è ammantecato, è uno de la