Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/39

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 36 —

na polca fino a lo canciello. (c. s. Asd. e Mar. dopo aver fatto un giro di polca viario) E si che aggio accommenzato a fa pure io quacch 2 cosa. (resta in azione con Pul.)

Scensa

Proserpina e Viperina da facchini e detti.

Pros.T aggio ditto che lo viaggio mio era chiù pesante, e m’attocca la purziona chiù grossa.

Vip.0 chiù lieggio, o chiù pesante*, la parte ave da essere eguale pe tutte.

Pros.Biasiè, non me fa i’ de capa che caccio lo fierro.

Vip.Nicò, si me saglieno fernesce co l’acciaro.

Pul.Zuccariè . jammoncenne * chiste parlano de fierro e d’acciaro, avesseme d1 «bbuscà?

Zucc.Ciuccio, tu vide chisU? mostra l’anello)

Pul.Nce lo vennimmo?

Zucc.Tu che aje da vennere; non lo di’chiù t’abbruscio.... chisto cà.... (in azione)

Vip.Nzomma te si fatto capace, a me Ile doje livere m’attoccano.

Pros.Non te voglio dà manco no centesemo.

Vip.A no, e tira mano!

Pros.Aiza *le prete!

Vip.Ah! tu a prete vuò’fa, mo me nvite a carne e maccarune, a te. (ripone il coltello ed alza le pietre; tira il primo sasso t Zucc., Pros. colpisce Pul. lazzi dei secondi Guenella, guenella ( col tuono popolare i cà stanno li picciuotte cianciuse e belle, renella. ( seguita a scagliar pietre, le quali colpiscono sempre i due fino di punto che questi arrivano ad abbracciarle, PuL a Vip. c Zucc. a Ir.)

Zucc.E fenitela per bacco , mo ve faccio restà senza naso.