Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/34

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 31 —

na mazza de sarceniello, no scemo, no redicolo. (ad Asd.) Ma tu vide che si cchiù viecchio de Noè. Ma cornine ve potivevo credere che D. Sciurella che me parenu vero sciore .se metteva a fa l’ammore co’uno de vuje? V’ha cuffiato, ed. à fatto buono, si fosse stata io* v* av&rria pigliato a vricciate; sentite a me, jatevenne a lu museo; vuje dinto a la sala de li scavamiente de pompeje (ad Asd.) E vuje dinto a chella de Ili mummie,

1 (ad entr.) Ah! che fussiate accise (via).

Asd.Mannaggia all’arma de la mamma, chella chiagneva; e siccome à avuto la vorza nc’ave ditto chelle quatto male parole?

I Mar. Ci compativa , ed avuto il denaro , ci ha

trattati come due melensi. Ah! maledette le donne! Ma ne farò vendetta!

SeesBa XI,

’a

D. 2sticola, Pulcinella, Zttccaiuello di dentro poi fuori.

e

e i\Tic. Ma lasciatemi per bacco!

i© Pul. Cammina viecchio canimma.

o Zucc. Zitto, non fa chiacchiere,

n- JVic. Ma questo è un assassinio! (fuori trascinato)

cè Pul. Cammina è zitto.

Nie. Per carità, signori miei, (cercando difesa nei la due)

Mar.Lasciatelo, (i due eseguono) Venga qua, si?.) gnore. (portandolo in mezzo di modo che i cin ta que personaggi in iscena formano un emiciclo) Io

sono il Marchese Lattuga, ne Nic, Ho il piacere conoscervi.

Asd.Io songo D. Asdrubale Fogliamolla! te Nic. Ho avuto l’onore avvicinarla,

si Zucc. (passando in mezzo) lo so Zuccarieilo Patata*