Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/31

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 28 —

grata.... io mo sconocchio, (lazzi) Dici il vero?

Vip.Te lo ghiuro!

Zucc.Allora appropingnati al mio seno, e sfoga su d’esso la forte gioia che ti commosse il core.

Zucc.No, non te mettere paura, son sempre quel desso, vedi questa ciacella?

(gradatamente con lazzi si accostano scambievolmente, Pros. accompagna con azioni di’, gioia la scena dei due. ma 0/ momento che si abbracciano, facendo vista di prorompere in ira si accosta per dividerli)

Pros.Goddem! la mia promessa!

Zucc.E stata sbagliata , v’attocca cinco vote 1 prezzo de lo viglietto , e ve n’avite da ire.

Pros.Io faccio un chiasso, questa donna è mìa , e nessuno me la leverà. ( V abbraccia di maniera che alla sortita del Pul. Viperina resta abbracciata da tutti e due)

Scena 1^.

PULCINELLA e DETTI

Pul.Mbomma! Chisto è resuscitato! (resta indietro)

Zucc.Inghiltè vide de lassa, si nò ccà scoppia na guerra Europea.

Pros.Io voglio la mia parte intuito; a me questa donna.

Zucc.Chesta è tutta robbs mia.

Pros.fi mia.

Pul.(avanti) Signori miei col permesso dell’ Inghilterra, e dell’Italia ncè fosse na refolella pure pe Napule?

VlP- Pulecenella! (avvilita).

Pul.Questa figliola mme l’aggio da sp.ezzoliare io che mi à promesso d’ esserme mogliera. ( a Proserpina).