Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/29

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 26 —

Zuccahiello in osservazione e detti

Zv’ic. Bene mio ! songo turnato e non lo credo ! oh! ecco la scellerata!

Pros.A quel che vedo vi addolora molto la perdita di vostro marito?

Vip.E comme non m’ave d^addotorà , vuje me facite ridere, io n’arreposo, non magno, non dormo, sarraggio pe sempe nfelice (c. s.)

Zucc.(L’ingrata primma m’ha acciso* e mo mme chiagné).

Vip.Va buono ch’era mi puorco, no schefenzuso, non me faceva passa maje nu gulio, e che la morte ò stala justa a levaremilìo da nante...

Tiucc ( Gomme rispetta la mia memoria.)

Vip.Ma lo marito, ne signò , io mo addò trovo l’auto marito?

Pros.Se veramente non avete impegni, posso offrirvi la mia mano. Volete sposarmi?

Vip.Ve pare, me potarria annega a vuje che site tanta no bello, e buono signore? Ma vuje site buono, pe marito?

Zucc.(Vuole essere assicurata su i beni mobili, ed immobili.)

Pros.Troppo buono.

Vip.Allora quanno è ebesto, teccove la mano.

Zucc(iavanti) No momento!

Vip.Ah! (rincula ad un angolo della scena) Mamma mia lo spirito!

Pros.(Costui qui, principia la lotta}.

Zucc.Non te spiritare! son’io in pelle , carne e ossa, sono io quel porco che ha runniato attorno alla Iota della tua bellezza.

Vip (c. s.) Mamma mia!

. Zucc, Non tremmà, non è ancora il tempo di tre-