Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/28

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 25 —

Pul.Ciao, (via)

Vip.E no poco scemo, ma è no buon7 omino. Mperò fra tutte chille che mme vonno pernogliera aggio primma da scegliere qua è lo meglio, e po mme decido a lare la seconda

  • bestialità.

^eer.a VI.

Proserpina da Inglese

Pros.Dica, buona giovane , abita ir> queste vicinanze una signorina a nome Fioretta?

Vip.Oh! gnorsi sta llà. (con intenzione).

Pros.Voi me lo dite in un modo...

Vip.E che volite che ve dico, signore mio, chelJa è na capricciosa de la vita, da che è venuta a villeggià ccà non se stà chiù n’ora c&jeto, ogne ghiuorno nu taluorno, ne mantene sempre 15 ncampana; chillo povero viecchio de lu pale non pò dicere na parola che le zompa nfaccia comme a na tigre.

Pros.Male, male, ma d’altronde voi non fate bene parlare cosi d’ una vostra simile; sapete pure che oggi le donne sono in gran ribasso, e se non si sostengono fra loro chi volete che le sostenga, (con $razid).

Vip.(Vi comme azzecchuso lo ngrese!)

Pros.E voi amoreggiate con nessuno?

Vip.Niente signore mio, io songo na povera vedova.

Pros.Vedova- per bacco cosi giovane restar senza marito. Ah! molto brutto, molto brutto.

Vip.E co chi me la piglio signore mio, mannaggia la sorte mia che ave voluto accussì. Non cè che dicere quanno uno nasce co la stella nera , ave voglia de fà , e de dicere che va sempe de male mpeggio. (quasi piangendo).