Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/27

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 24 —

Pul.) Songo fuoe#, sciamma, vrace,

Vip-) So vurcano, so na vampa,

Chi nune sarva, chi mine scampa,

Nè chi aiuto me da mo?

Chiù non veco, chiù non sento,

So sturdut” so stunat°

a a

Merolella aSSraziata Non me fare chiù penà.

Vi’ che mpietto già lo core,

Sta facenno bù, bù, bù.

Pul.Sfatte, Viperina, statte che io sto chili nfucato de la machena che passa sotto lo monte de la Cenisa.

Vip.Io pure songo na vampa; e già che chillo briccone de maritemo se ne fujette da la casa e aggio avuto la nova eh’ è rnuorto affocato a marevolimmo subeto subeto fare lo matrem* monio; (si lo cride).

Pul.Uh! sciasciona de sto core!

Vip.Fatillo de st’arma!

Fui. Luce de chist’uocchie!

Vip.Aggraziato!

Pul.Zucchero!

Vip.Cannella!

Pul.Pereocata!

Vip.Io pe te moro!

Pul.Io pe te n’arricetto la notte; de li 24 ore de lu juorno, non ne dormo che 28 Vip.Tu che dice?

Pul.No, credime.

Yip. Va mo, va fatica, che io aggio da ire a purtà la marenna a li faticature. Ncè védimmo e miezo juorno.

Pul.E io aggio da ire ncoppa addò la signorina.

Mme sarrale fedele?

Vip.Non dubita.