Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/26

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 23 —

Ed a forza vo abbuscà.

Dico io mo se po volere,

Che se lassa na porpetta,

Na mbottita lasagnetta,

Quan.no staie pe la mmoccà.

Si pe te aggio perduto,

Suonno, pace ed arricietto,

Vide ll10 si sto dispietto,

Pozzo mpace supportà.

Non è cosa da sferrare?

Nganna darle no curtiello?

E ccà mo fa nu màciello,

Senza sango sparagnà?

Vip.Bello mio, tu aje ragione,

Io purzi sto nquietata,

E non saccio, me scasata,

Cornine l’aggio da mpattà.

Songo cotta fino all’ossa,

Manco dormo ne arricetto,

E si dura nce scommetto,

Che fra poco a mori sto. *, " .

Gride a me nterra vasaje,

Quanno vedova restata, lo sapette che toccata Pe mogliera io era a te.

Tutta tutta nvallummaje,

Chisto pielto se nfocaje,

Lo cerviello sbalestrale Nè sapeva chiù che fa. lo pe te certo vi moro,

So arreddutto pelle e ossa,

Maramè. so fatta rossa, (con civetteria Che spropuosete stò a di.

Pul.Tu che rossa, tu qua janca,

Io me pare na fornace.

Vip.Scosta sco’, lasseme mpace,

Io me sento ascevoli. ^uasi per svenire) Pul.Guè mantiene non cadè.

Vip,lo non pozzo chiù tenè.