Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/24

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 21 —

Asd.(Sicuro.)

Fior.(E lasciatemi fare, non vedete che gli prometto amore per burlarlo, rinforzate la cosa e si riderà.)

Asi. (Che talento de femmena.)

Asd.(Povero Marchese.)

Mar.(Povero vecchio)

Asd.(Si se scummoglia l’affare le irènarrà na chelieta.)

Mar.(Quando scoprirà l’inganno gli verrà certamente un accidente.)

Scena lv.

Proserpina da studente e detti.

Pros.Oh! signori, buongiorno. Signora Fioretta, i miei distinti doveri. (le bacia la mano)

Fior.Troppo gentile Cavaliere! La sua compitezza è quella che di giorno in giorno di più m’innamora.

Pros.(le bacia di nuovo la mano) Mi seguirete ad una breve passeggiata, c’inoltreremo nei giardini, e all’ombra degli olezzanti fiori, pasceremo le nostre anime di quell’amore immenso, etereo, che dimenticar ci fa delle mondane pene.

Fior,Sono con voi.

Pros.Oh! immensa gioia! (labacia in fronte evi ano)

Mar.(estatico) D. Asdrubale?

Asd.(c. s.) Marchesi!

Mar.Sono partiti?

Asd.Cosi si dice!

Mar.Parlarono d’amore!

AsdtS’ànno sgargiato na mascella.

Mar.E noi?

Asd.Smicciando, smicciando nce la sbignammo da Uà.