Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/22

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 19 —

Non ragiono, sono pazzo,

Più non mangio, più non dormo* IL mio unico sollazzo,

E lo starvi a contemplar.

Mi crédete: son perduto, Rovinato, affascinato^

Per pietà soccorso, aiuto,

0 che qui morto cadrò.

Asd.(sulle furie)

Ma tanta, e tanta chiacchiere Che diceno? che contano ?

Si chiù me mperro paccherò Farraggio ccà volà.

Chesta guagliona, cancaro, berciato m’ha il perciabile,

Non so chiachiello, cattera,

De farme cuffià.

Fior.Signori miei, finitela,

Son ciarle queste inutili.

Coro Ma via mò scompitela,

Sti chiacchiere che so?

Fior.Vi prevengo per ben vostro,

Che con me non c’è da far.

Tra la; la, la, viva il piacer, Tra la, la, la, vita del cor,

Tra la, la, la*, godasi ognor, Viva il piacer, la voluttà.

Non curo amor, morte del cor, Senza pensiér, voglio goder, Vita passar, senza temer, . Viva il piacer, la voluttà.

Marc.(Non cura amor, morte del cor^ Senza pensier, vuole goder, Questo parlar, mi fa temer, Come n’ uscir, davver non so.)

Jsd. ( Co li ciappe ave parlato,

Chiù speranza non nce tengo, Basta mo; io me sostengo,

Chi sa fuorze cadarrà.)