Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/21

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 18 —

Priesto jammo mo compagne,

Forza, spireto e coraggio,

E stasera li guadagne,

Spartarrimmo tutte ccà.

Scossa 1EB.

Fioretta di dentro, poi fuori e detti.

Fior.(di dentro)

Tra la, la, la, viva il piacer,

Tra la, la, la, vita del cor,

Tra la, la, la, godasi ognor,

Viva ii piacer, la voluttà.

Mar.Sommi numi, la mia bella. jsd. La puchella de sto core.

Coro De nuje tutte mo la stella,

Già nne stace a comparè.

Fior,(fuori}

Oh* buon giorno, amici miei.

Servitore de sta nenna.

Mar.Più di voi, lo giuro ai dei,

Donna amabile non v’è.

Fior.Vi prevengo, Marchesino,

Che non lasciomi burlare.

Mar,Non son uomo bel visino, .

Da scherzar con tal beltà.

Mi credete:, son confuso, (incalzando) Son perduto, affascinato,

Il mio cuor, per voi è chiuso,

A qualunque affezione.

Son qual pazzo innamorato,

Per quegPocchi sono cotto,

Non ragiono, son spolpato,

Nò so più cosa mi far.

M’ha quel labbro incatenato,

Son quei denti il mio tormento,

M’ha quel volto affascinato,

Mei credete in verità.