Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/17

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 14 —

-lime te steva dicenno (di fretta imitando il trotto del cavallo .

Plut.Ma cosa fai, a-ino?

Un Dem.Fermati sciagurato io fermano).

Zucc.Che, me so purtato buono?

Plut.Che buono?

Zucc.Xo5 non fa le freche (a jml.) Vuje m’avite ditto trotta, ed io aggio trottato.

Plut.Io intendeva ehe fossi lèsto a discorrere.

Zuec. ( con forte riso ) Gomme cò... vuje dicive^ vo... e vuje v ulive vo.., ma chesto che cosa è signuri mieje, e spiegateve, vuje avite na maniera de parla tutta particolare; vuje site abbastantemente ciucciarielli.

Plut.Seguita il racconto.

Zuoc. Conca moglierema è stata la nfama, che doppo d’averla levata da la miseria, inave fatto danna, e io l’aggio avuto da lassa senza psterme vennecà. Avite da sapè tanto de .l’allucche e strillo che faceva, che de notte pe la disperazione me ne f jiette da la casa, arrivaie vicino alla marina e penzaie d’ attaccarme na preta nganna e menarme a mare., ma lo coraggio venette meno, pecchè de chiste tiempe l’acqua è fredda! strellanno comme a no pazzo chiammaie lo diavolo-, diavovolo portarne co ttico; io veramente non lo faceva tanto educato che subeto avesse accondisceso, ma lo trovaie gentilissimo, e subeto afferrannome pe lo canuarone mme trascinale e rocioleanuo, rocioleanno mme portaie a vostra chelieta!

Diav. Sì gran Pluto; per sempre più convincerti che le mogli sono la disperazione dei poveri mariti.

Zucc.A chest’ora la mpesa già starrà facenno le gatte felippe co quacch7"auto cecisbeo; però ma tutto po trova ma no marito ciuccio com • me a me non lo trova.