Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/16

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 13 —

Zucc.Marniti a mia!

TuttiNo, ridiamo, ridiamo.

Zucc.E redite (imitandoli) (Io non passo no quajo ccà dinto)?

Plut.Ma vedi quanto sei asino , solamente Pluto è il mio nome quindi volendo chiamarmi devi dire soltanto Pluto?

Zucc.Oh! mo va buono. Quanno faggio da chiammà dico solamente Bruto.

Plut.No Pluto, Pluto con rabbia.

Zucc.Pluto, Pluto, va bene.

Plut.Seguita dunque il tuo racconto.

Zucc.Donca cornine te steva dicenno..*

]. Dem. No, no, dagli la terza.

Zucc.A chi?

g. Dem. A lui, e chiedigli scusa.

Zne#, (a Plut ) Vuje nfavite da perdona, fuorze ccà abbascio se pava anticipato, ma io non sapeva l’uso.

Plut.Cosa affastelli?

Zucc.No, chisto ccà m’ave ditto che t’avesse dato la terza, io non tengo manco no centesimo; pecchè aje da sapè che io tengo l’uso de pavà a secolo posticipato.

Plut.ISon sò cosa dici!

1. Dem.Io ti diceva dagli la terza persona:

2. Dem.0 almeno la seconda; intendi, o la ter za, o seconda.

Zucc.Dunque come diceva a V. E.

1. Dem.Bravo, bravo.

2« Dem. Evviva, evviva.

Zucc.E bravo tirituppete, e la lariolà (ballando).

Plut.Ma insomma tu ti prendi giuoco di me; bada che venti serpi cingeranno il tuo corpo. ^

Zucc.E pecchè volete regalarmi una cinta si distinta? Io me credeva che volevemo canta.

Plut.Che cantare! Seguita il tuo discorso, e trotta.

Zucc.Donca comme te steva dicenno, donca com-