Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/14

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 11 —

Lo diavolo chiammaje,

Llà ppe Ila m’esaudette.

Nfra st’abisse^ mme mannaje,

Mmiezo a vuje, o care amice,

E so certo meno guaje De moglierema so ccà.

Coro Infelice, sventurato,

Ben la moglie t’ha perduto,

Sol per essa capitato A penare sei tu qui.

Plut.Infelice, sventurato,

Se la moglie t’ha perduto,

Curerò che vendicato

Tu sarai ben d’essa qui. (assicurandolo)

Pros.Vanne là somar malnato,

Se la moglie t’ha perduto,

T’assicuro capitato Or con me tu sei qui.

Zucc.(con anima)

Si mme capita mmo mmano,

Vi na femmena ncocciosa,

Fa nne voglio muorzo sano, Senz’averne chiù pietà.

Afferrarla pe na trezza,

A li piede strascenarla,

Nganna metterla capezza,

E qua ciuccio starle a dà~

Schiaffe, pizzeche e mazzate,

Ponie, morze e scervecchiune,

Scippe, cauce e fecozzate Ncuollo a loro ànn’a fernì.

Tutti(deridendolo)

Lo scioccone maledetto,

Fa qui giuri di vendetta,

Ah! di lui ben ogni detto,

Solo ridere ci fa.

Plut.Dunque mortale sventurato, qui ti rattrovi per la moglie?