Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/13

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 10 —

La spusaje senza niente,

La camnìisa le mettette,

A ]a reccbia ii penniente, Quatto anel*e le faceite,

Iva casella raccunciaje,

Bella, ricca, accunciplella,

No rilorgio l’accattaje Co na guappa catenella;

De lenzole e biancarie,

Duje cumino nce ne jenghette, E pe nfi la setaria A lo lieUo le mettette.

Nganna tutte perle fine,

Io volette che portava Le guarnevano le rine,

Scialle tutte de gran pava;

No golio che Ile veneva,

Muae sbracciava pe servirla,

A fecozze io mme faceva,

P acclamcrla e non sentirla. Comm3nn iva essi a bacchetta,

Io zitto eJ ammocciava,

Na pacienzia benedetta N:e teneva e non sferrava. Quacche vota me vatteva,

Forte pacchere sonava.

Ma io tutto me teneva,

Pe vede si se stancava.

Nove vote a la concordia Pe li vizie me mannaie Pe non sta nguerra e discordia Pure chesto Ile passaje,

Ma all’urdemo voleva,

Ah! co scuorno lo confesso, Che trasì neas’ io aveva, Quanno deva lo permesso. Chisto fatto mme nquartaje, Lo cerviello se ne jette,