Page:Oláo - Luigi Campesi.djvu/12

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 9 —

ZuÓgAuiello di dentro poi fuori spinto da un Demone.

Zuc.(di dentro)

Mamma bella, gente ajuto!

TuttiChi è costui che si favella?

Zuc.(fuori)

No soccurzo o so perduto.

Tutti(fermandolo)

Imprudente, fermo là.

Zucc.Fisso sto... non dubitate (balbettando)

So nchiovato a chisto pizzo,

Sulo voglio pe bontade,

Me dicite mo addò sto.

Tutti(cupamente)

Nell’Inferno or ti rilrovh

Zucc.Mamma mia, vuje che dicite! (pauroso)

Plut.Ma cos’è che ti commuovi?

TuttiOr ci sei non c’è che far.

Zucc.(c. s.) Gomme co’ dinlo a lo nfierno Songo proprio capitato?

Ah! tuccato aggio lo pierno,

De Ilo male nverità!

Moglie barbara, crudele (irrompendo) Negli abissi tu mi hai spinto,

Che ghiettà puózze lo fele,

Ne trovare chiù pietà.

Plut.Infelice or per la moglie

Ti rattrovi in tanto abisso?

Zucc.Cheli a nzista pe li voglie,

M’ave fatto ccà trovà.

Chi po dirve, bona gente,

Li turmiente che m’ha dato,

Non Ili crede chi Ili sente,

Pure è tutto verità.