Page:Nozze Cian=Sappa-Flandinet.pdf/44

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.

44 PIER ENEA. GUARNERIO


per contriciom. Ancor perço che ge n e de quelli chi ro receuam in peccao mortal a sso siente e si traysam lo so doce compagnom, çoe l angello chi e in soa [1] guardia. Ay catiuo peccao quanti desenor tu ly a fayto. Apresso guarda quanta fia tu e stayto desobediente a to payre e a toa mayre, e se tu t aregordi in questa maynera la toa uita, tu ueyray che tanti ge n e de questi fallimenti Jm peccao d orgoio, che apena li porissi nomera.


De la arroganza.[2]


Lo terço ramo d orgio si e arogança, ch e apella stracudança e presontium, quando l omo se pensa eser piu che ello no e. Questo e lla forza de lo diauo. Jmperço che ello n inuora tuti ly peccay spirtuay e questo se mostra in monte maynere o per ouera o per pensar, ma specialmenti in sexe. Imperço che l orgoioso stracudio (che) ello si pensa meigio uareyr e saueyr cha tuti li autri. Ni zamai degna de fa como li autri, chi uaren meio cha luy. lo segondo e folla speysa e de grande spensarie e maormenti de li autri, per esser[3] loao o per esser tegnuo largo e corteyse. Lo terzo (si e) chi uen da stracudanza (in) [si e] matho parlar e cuntezun, sicomo dixe Salamon, ch(i)e inter l orgoiosi e tuto iorno contezum. lo quarto ramo che fa l orgoioso [e] gabaria in lo so cor;[4] ma lo gabao si e (e)llo chuco chi no sa cantar so no de || [p. 5] si. Questi som quelli chi per soa propria bocha se uan gabando, etiamdee sercham losenguer chi digam bem de lor e chi digam cosse che elli no deueream dir.[5] lo quinto ramo si e derixom, che no li basta in so cor despresiar atri, anti ne fam derixom e scergne com tuta la gente, e si ne dixan mar e fam tanto per le[6] faze parole, che elli fam leuar da bem far. lo sexto si e rebellium, zoe quando ell e rebello a tuti chi ro uorom bem. Jmperço che l orgoioxo a una maynera, che quando ello e represso, ello se desdegna, e sse l omo lo castiga, ello se corosa, o (chi) lo consegia, ello no uo cre a nigum so no lo so seno. Questa e perigorosa marotia a chi tute meyxine tornan a uenim.

  1. Cod. toa.
  2. In margine come sopra, de stracudanza, e parimenti l iniziale del paragrafo.
  3. Nel cod. penser, evidente errore del menante in luogo di per esser.
  4. Come il periodo precedente, anche questo alquanto scorretto e monco. Pur lasciandolo com’è, bisognerebbe correggerne la costruzione cosi: lo quarto ramo che fa l'orgoioso in lo so cor e gabaria.
  5. Veramente nel cod. de dee, che qui non da senso; cfr. la trad. sicil: non ausirianu diri.
  6. Cod. lo