Page:Nozze Cian=Sappa-Flandinet.pdf/43

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.

DEL “ TRATTATO DEI SETTE PECCATI MORTALI ,,43


li co[n]uera rende raxom e no [sa] lo dy ny l ora. de questo uicio e pin li orgoiosi richi homi, chi uzam marua[sa]menti li bem, che deo li a fati e dayto in questo mondo.


De renegaria.[1]


La[2] terza desleotae chi uem da orgoio sy e renegaria. Quello e bem traytor chi da citae o castello a l ennimigo de so[3] segnor, abiandolo in guarda; e questo peccao fa chascaum chi e in peccao mortal, perzo che l anima ello la mete in le mam de lo diauo, chi e de dee, e deuen so seruo e si li da corpo e anima. E conzo sea cossa che ello sea appella crìstiam, ello [no] l e, perço che ello renega crestianistae, e mostrallo per tre maynere che ello si e falzo cristiam, la primera si e in sprezurasse e dire boxia, la segonda si e che noy no creamo zo che deuemo cree, la terça si e che noy se confiemo piu in lo mondo che in deo. Queste som maynere de desleotae che ascende de la primera brancha d orgio.[4]||

[p. 4]
De lo despecto.


La segonda brancha e testa, chi nasce de orgoio, si e despecto, con ço sea chossa che no e peccao chi no sea despiaxer a deo. Lo primer si e de no prexiar dritamenti l omo sicomo ello se de in lo so cor, che ello no porta ni honor ni reuerentia sicomo ello de, o che ello noll obeysa dritamenti como [de]. dei doncha pensar bem in [lo] to cor quanta fia tu ay falyo in queste cosse e qua'nta fia tu prexi piu lo peccaor cha lo iusto. Apresso quanto tu ay piu portao honor e reuerentia a ly maly homi cha a ly bom per le recheze e pompe de lo mondo, e sy e la maor[5] parte chi despresyam deo e ly sancti per despecto e per non festar. apresso pensar quanta [fia] tu a [y mar] deserui lo nostro segnor yhu xpo. ço[e] quando se de andar a la zexa o far autro seruixio de deo, tu si uay iotonozando goriardando femene e barati e fuxarre. etiamdee quanta fia tu ay mar fayto, quando tu ay comonigao, in ço che tu no e degnamenti apperegiao per confessiom o

  1. In margine, come sopra, de renega | e poi tagliato via il resto.
  2. Manca L majuscola nel testo ed è scritta nel margine, come sopra.
  3. Segue segor cancellato e poi segnor.
  4. Alla fine della 3a pag. nel margine leggesi de despecto in | intestazione, che è scritta poi in rosso, in testa della pagina seguente.
  5. Prima è scritto lamor e poi cancellato per sostituirvi la forma corretta la maor.