Page:Nozze Cian=Sappa-Flandinet.pdf/42

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.

42 PIER ENEA GUARNERIO


deuixa in tante maynere che appenna se porea nomerar, ma (lo) ge n e septe chy som de contayr. la primera si e desleotae, la segonda desperar, la terza stracudança, chi e appella presunciom, la quarta si e la brama de desyderio, la quinta si e uana gloria, la sexta sy e ypocrisya, la septima si e maruaxe paor. E tute si apertenan a orgoio e chaschaun de quisti septe sy a monte maynere de autre peccae. la primera, si como e dito desoura, si e desleotae e si a tre branche; la primera si e maruase, la segonda pezo, la terza reissima. l una e uilania, l atra e mmatheria, la terza e renagaria. la primera e quasi in tuti peccay che homo possa far, che ello no sse po far peccao senza uilanya. Questo e quasi um peccao, chi e appellao ingratitudem, zoe adementegarse deo, eciamdee [de] rende la gracia de li bem che ello ne fa; certo||[p. 3] ell e bem uillam e deslea chi no regracia lo segnor so, quando ello ly fa bem. ma perço che ello ly rende de bem mar, si lo guereça, e perzo e bem uillam e maruaxe chi reçeiue gracia e dom e no degna de dir gram merçe. Et anchor pezo de auer in odio chi li fa bem e cortexia. E ancor asay mao uilania render mal per bem. doncha chi bem reguardasse a lo bem che dee li a fayto e le gracie che nuy auemo, perzo che nuy no auemo nygum bem se no da le, zoe bem da natura si como belleza, seno, e forteza,[1] deuer l anima seno inuer de, de uer lo corpo richeza honor e auteza, doncha bem[2] se dereyua rende gracia a deo de li bem che ello ne fa.


De la desleotae.[3]


La[4] segonda desleotae chi nasse da l orgio sy e matheria, che ello s apella matho chi e fora de lo seno. no e bem mato e follo e for de seno, chi a dynay o autre cosse in goardia de so segnor, [e] si li zoga e barata a so siente e si sa che li conuem rende raxom a una meia picena.[5] zo e de li bem temporay che ello auera auuo, e tuti li mete in Jotonie e baratarie e ogni mar uzansa, [ello] chi sa [che] semper deo lo ue, e si sa che de tuto

  1. Dopo forteza seguono le parole: honor e auteza doncha bem, che sono cancellate con un tratto di penna, e vengono le altre indicate nel testo.
  2. Dopo bem è cancellato se demarauei.
  3. Nel margine nel solito carattere minuto: de desleotae, notato evidentemente per essere poi trascritto in rosso come intestazione del paragrafo.
  4. Manca L majuscola nel testo; è scritta nel margine sinistro, in piccolo, quasi per memoria per essere trascritta in rosso, come si è detto qui sopra.
  5. Propriamente piccola medaglia, ma qui nel senso di fino all'ultimo soldo, cfr. Arch. VIII 368.