Page:Nozze Cian=Sappa-Flandinet.pdf/35

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.

L “ TRATTATO DEI SETTE PECCATI MORTALI ,, 35

TESTO TOSCANO

[P- 20] De’ beni che i sette doni fanno. Ora ritorniamo a no stra materia, e preghia mo di tutto nostro cuore quel Santo Spirito, che ’nsegna i cuori ch’el1i sia nostro avvocato, e noi insegni a mostrare come per questi sette doni si diradicano li sette vizj del cuore, e piantanvi e nodriscono le sette vertudi. Lo dono di paura e il primaio dono che getta fuori i peccati del cuore, come noi avemo detto di nanzi. Ma propriamente elli stirpa e diradica la radice d’orgoglio, e piantavi la radice d’u miltà. Or riguardate ed in tendete bene come ’l peccatore, che dorme in peccato mortale, elli è altresi come il rubaldo pergiuro ebbro, che ha tutto perduto nella ta verna, ed è si ignudo e si povero ch’el1i non ha niente, ma punto non si sente, nè non si ram marica, anzi crede, es

TESTO SICILIANO [c. 60 r] Ora ritornamu a no stra materia & pregamu di tuttu nostru cori quillu scmctu spiritu ki ni insi gni li cori. ki illu sia nostru auocatu & ni in signi et mostrani comu per quisti VII. doni si disradicanu li setti uicij di lu cori. & piantanun chi & nutricanu li. VII. uirtuti. Lu donu di pagura est lu primu do.nu ki getta fora li peccati di lu cori comu nui hauimu dictu dinanci. Ma pro priamenti illu sìppa & disradica la radichi di lu orgoglu & piantachi in suo locu la radichi di la humilitati. Or riguar dati 8L intenditti beni comu lu peccaturi ki dormi in peccatu mor tali est altrusi comu lu ribaudu periuru ebriu ki ha perdutu tuttu in la ta uerna & eXi nudu [60 v] et si pouiru ki illu non haui nenti ma punctu non si senti non si re marica anci si cridì es

TESTO GENOVESE


[p. 61.]

De li bem che el s. s. ne fa fare.


Or tornemo a la nostra materia e prego deo chi ne faza gracia per la uertue de lo spiritu sancto che noy possamo per li VIJ. doym laxar li VIJ uicij de lo cor. e ge possamo le VIJ uirtue. Amen.


Como la sancta parola nasce in lo cor de l omo.


Lo dom de paor e llo primer dom [chi] buta for le peccae de lo cor, como noy auemo dito dauanti; ma propriamenti ello incontra orgoio e ge mete in so logo la uertue de humilitae. Or guarda como lo peccao, chi dorme in peccao mortale, si fa como lo rubado zugaor chi a perduo tuto in la tauerna e si e nuo, ni no sente niente, ni se lamenta; auanti se crede(r) esser vm gram segnor.E quando lo spiritu sancto li rende lo so seno, ell e