Page:No turco napolitano.djvu/63

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
mandato, perdoniamo insieme la gioventù- Cardi.» Intanto vuie pe pazzià me venite a ncuità a me.
Errico — Scusate D. Pascà.
Pasquale — va bene, non ne parlammo chiù, io per troppo rispetto a vostro zio, lo faccio stare con me in qualità di segretario, e ve dongo, comme ve dicette, ciente lire a lo mese.


SCENA ULTIMA


Giulietta, Lisetta e detto.

Giulietta — Pascà, nuje stammo ccà, nce volimmo j?
Pasquale — Sì.... anze nce neiamme tutte quante a mangià ncampagna. (A Errico-) Voi ci farete l’onore di essere dei nostri?
Errico — Con tutto il cuore.
Pasquale — Mò jammo a piglià la mogliera de Gnazio e nce ne iammo.
Lisetta — Papà.... (Fa segno a Felice.)
Pasquale — Aggio capito!... Tu pe forza te lo vuò spusà? Va bene. Acconsento!...
Felice — Sciasciona mia!
Lisetta — feliciello mio. (Si abbracciano.)
Giulietta — (meravigliata)- Comme!... Pascà?
Pasquale — Chello che diceva dinto a la lettera, non era vero, è stato no scherzo fra amici.
Giulietta — No scherzo? (Ridendo-) Ah, ah, ah! Ma allora è stato proprio no bello scherzo! (Tutti ridono.)
Felice — No bello scherzo?
Giulietta — Sicuro! Bello assai!
Felice — Speriamo che il pubblico, dicese pure accussì!!!!!

(Cala la tela)

(Fine dell'atto terzo)

(Fine della commedia)