Page:No turco napolitano.djvu/51

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.



SCENA SECONDA


Peppino e detto, poi Pasquale e Concettella, indi Luigi.

Peppino — (dal fondo a sinistra con carta di musica in mano) Ho fatto di un’altra maniera, quello che doveva rispondere il soprano, adesso risponde il basso...
Michele — D. Peppì, vuje co sto coro site no guajo!
Peppino — E non ci sta male, perchè fa così (canta da basso) Oh! Che piacer!
Michele — (Mamma mia, lo mammone!).
Peppino — Io poi non capisco come va che quel D. Felice non tiene voce di soprano?
Michele — Addò! Chillo stunava peggio de nuje... zitto, vene lo principale. (Vanno ai loro posti.)
Pasquale — (esce portando per mano Concettella) Viene ccà, voglio essere cuntato tutto, voglio sapè tutte cose.
Concettella — Sissignore, e mannatene a chilli là.
Pasquale — Peppì, Michè, faciteve na cammenatella, e po' tornate, aggiate pacienza.
Michele — Niente.
Peppino — Quello che comandate, quello si fa.
Michele — (Nuje chesto jeveme truvanno). Jammoncenne D. Peppì.