Page:No turco napolitano.djvu/50

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.


ATTO TERZO


La medesima scena del primo atto, con 3 sacchi pieni.

SCENA PRIMA


Michele ed Errico.

Michele — Venite, venite, D. Errì, che non nce sta nisciuno.
Errico — Michè, conteme tutte cose, tutto chello che è succieso.
Michele — È succieso, che lo principale l’ha vestuto da turco, e nce stamme facenno l’anima de le rise, la voce s’è sparsa pe tutto SoRriento, e D. Felice fino a mò s’è appiccecato co quatte perzune.
Errico — Benissimo!
Michele — Po’ lo casciere nuosto, aveva scritto no coro, e siccome le mancava la voce da soprano, la voleva fà fà a isso. {Ridendo.)
Errico — (ride) Ah, ah, ah! Bravissimo!
Michele — Una cosa però D. Errì, v’aggio da dicere, che vuje na grande rivincita non ve l’avite pigliata.
Errico — E pecchè?
Michele — Pecchè lo principale, essenno geluso de la mogliera, se ne serve pe le fa fà la guardia, e le da mille franche a lo mese, mangià e dormì. Capirete che chillo sta comme a no principe!
Errico — Tu che dice!
Michele — Eh, che dico, chillo se po’ dì, è lo patrone de tutte cose, chello che vò mangià mangia, chello che bò fa fà. Mò è asciuto co la signora e la signorina, e so’ ghiute cammenanno pe lo paese.
Errico — Sangue de Bacco! E allora non l’aggio fatto niente?
Michele — E se capisce! Isso ve facette perdere 30 mila ducate, e vuje invece l’avite fatte trovà mille lire al mese.
Errico — E già, pecchè chillo l’ha mise a guardia de la mogliera, credenno de sta cchiù sicuro... Non te n’incarricà, aggio fatto la penzata... mò te faccio vede che lo combino... tu haje ditto che lo principale tujo è geluso assaje? Mò te servo io!...
Michele — Ma che vulite fà?
Errico — Niente, po’ vederraje... D. Pascale mò addò sta?
Michele — Sta ncoppa, sta facenno colazione, chillo a n’auto ppoco scenne.
Errico — E io a n’auto ppoco vengo... li mille lire nce l’aggio da fà annuzzà nganna. (Via pel fondo.)
Michele — Ma sentite... Va trova che auta penzata averrà fatta. Aggio appaura che sti duje amice affezionate, all'urdemo se chiavene ll'aneme de li palate!