Page:No turco napolitano.djvu/44

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
42
no turco napolitano

Ignazio — Scusate, il disturbo, sapete?
Felice — Niente affatto.
Ignazio — Io vaco ad accuncià lo buffè, e sto sicuro, capite, pecchè saccio moglierema co chi sta.
Felice — Va bene.
Ignazio — Ah, eccola ccà, sta venenno.. io me ne vaco da ccà, essa vene da llà, vedite che bò (via a destra poi torna).
Felice — Chiste o so pazze, o vonno ncuità a me.
Angelica — Scusate, avete visto no ventaglio?
Felice — Sicuro! Eccole ccà (lo prende sulla sedia e ce lo dà).
Angelica — Grazie tanto, me l’aveva dimenticato. E voi che fate, non venite dentro?
Felice — Che sò, signora mia, me metto vergogna, così vestito.
Angelica — E che vergogna, io vi dico francamente che con quest’abito state bene.
Felice — Grazie, sono gli occhi vostri.
Angelica — Ma scusate, io poi vorrei sapere perchè vi siete vestito così?
Felice — È quello che domando pur’io, cara signora, è stata una stravaganza di D. Pasquale, io non mi ho potuto negare, capite, perchè la piazza è buona, io sto comme a no principe!
Angelica — Vi piace Sorrento?
Felice — Oh, assai. Non solo Sorrento, ma anche le sorrentine.
Angelica — Ne avete conosciuto molte?
Felice — No, poche, signora, poche; ma quelle poche, ma quelle poche che ho conosciute, vanno per mille.
Angelica — Oh! allora vuol dire che hanno da essere belle assai queste poche che avete conosciute. E chi so, scusate, perchè sapete, le belle in un paese, si conoscono.
Felice — La prima, siete voi.
Angelica — Oh, per carità siete troppo gentile... Uh! maritemme!... (si scosta).
Felice — No, non ve n’incarricate.
Ignazio — Neh, e ched’è, tu staie ccà, non vaie abballà?
Angelica — Si, mo vaco, me so venuto a piglià lo ventaglio che m’aveva scordato ncoppa a la seggia.
Ignazio — E va, va abballe, te lagne sempe che non te spasse maie. Eccolo là, quello è il tuo Cavaliere. D. Felì, ve raccomanno?
Felice — Vi servirò a dovere!