Page:No turco napolitano.djvu/43

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
41
atto secondo

Felice — (Ma che belli paragoni che tengo io!) Voi però siete ancora libera, dite a papà che assolutamente non lo volete.
Lisetta — Non lo pozzo fa chiù chesto, pecchè l’aggio fatto tre bote.
Felice — Meglio allora, chille ncè so abituate! Sentite a me, non ve lo sposate, non firmate, ve ne prego, sparambiatemi questo dolore!
Lisetta — Ma comme! se io firmo, vuie n’avite dispiacere?
Felice — Assai, si assai! Perchè dovete sapere, signorina, che dal momento che v’aggio vista, io me so ntiso sbattere mpietto aggio ditto fra me e me: quanto è bella, chesta sarria na figliola che io volarria bene chiù della mia vita, le starria sempe vicino, le diciarria sempe: sciasciona, zucchero, simpaticona mia!
Lisetta — Pe ccarità, v’avesse da senti quaccheduno?
Felice — No, non me sente nisciuno... E vuie diciteme la verità, me spusarrisseve co piacere?
Lisetta — A buie?... Oh, sicuro!
Felice — Allora iate addò papà e dicitencello, bello, risoluta: papà, io a chillo non lo voglio bene, e non lo voglio no, no, e no... sento rummore (va a guardare in fondo) Ah! è D. Ignazio, iate venne, vuie mo avite capito?
Lisetta — Va bene, io a n’auto poco me lo chiammo e, ce lo dico, a chello che ne vene!...
Felice — Bella, simpatica, aggraziatona mia!...
Lisetta — Zucchero, tesoro, sciasciunciello mio, io te volarraggio bene assai, assai... tu sì o core mio, tu si..
Felice — Va signorì, mo ve n’avita j mo!... (la fa entrare a sinistra).


SCENA IX.


Ignazio e detto, poi Angelica, indi di nuovo Ignazio.

Ignazio — (con paniere di bottiglie di rosolio) — Lo rosolio, lo mettimmo dinto a sta cammera... Oh, D. Felì, state ccà?..
Felice — Sissignore, vulite essere aiutato?
Ignazio — No. grazie tanto. Sapite che piacere voleva essere fatto? Si moglierema vo abballà, pigliatevella vuie, e facitele fa vuie 3 o 4 gire, quanno vedite che se stanca la lassate.
Felice — Ah! sissignore.