Page:No turco napolitano.djvu/40

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
38
no turco napolitano


gelate, cierti dolci, e cierto rosolio, sta tutte cose fore, vuò venì a vedè addò s’addà mettere?
Ignazio — Ah, sicuro (di dentro si sente suonare un valzer dai tre strumenti) Oh. bravo, la musica... Pascà, comme te pare?
Pasquale — Ma che, stanno sonanno ccà?
Ignazio — Già, dinto a la gallaria.
Pasquale — Io me credeva che sonavano da miezo a la strada.
Ignazio — Neh, trasite dinto, incominciate a fa quacche cosa, nuie mo venimmo (via fondo a destra)
Pasquale — (a Felice)- Si moglierema vo abballà, facitele abballà co buie, sa, co buie sulo.
Felice — Va bene. (Io non capisco chisto che marite è!) (Pasquale via pel fondo Peppino entra a sinistra e i 4 lo seguono).
Angelica — Giuliè, iammo dinto.
Giulietta — Jammo, iammo.
Angelica — Venite D.a Clementì.
Clementina — So pronta.
Mariannina — Jammo, jammo abballà (battendo le mani tutte entrano a sinistra).
Carluccio — Io non saccio j co tanta cerimonie... Bella piccerè, vienetenne.
Lisetta — (Uh! mamma mia, quanto è antipatico) Ma dico io, non sapite parlà meglio?
Carluccio — E comme aggio da parlà, quanno uno vo bene a na figliola, chello che le vene mmocca, chello rice.
Lisetta — (Chello rice... neh D. Felì?).
Felice — (E che vulite da me?)
Carluccio — Jammoncenne, jà (la prende per la vita e viano a sinistra. La musica cessa).
Felice — Quanto è bona sta figliola è n’affare serio. Si sarria venuto no mese primme, me ncè metteva a fa l’ammore io, e me l’averria spusata co tutto lo core... e la mogliera de D. Pascale? un altro pezzo rispettabile... eh, e la serva?... Ccà, so tutte bone! Intanto, vedete chi se poteva immaginà de trovà chesta fortuna. Chello che non pozzo capì, pecche m’à vestuto de chesta manera, e m’ha dato sto scorriato mmano, me fa fà na figura ridicola, non capisco pecchè?...