Page:No turco napolitano.djvu/39

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
37
atto secondo

Ignazio — (Si v’appiccecate co isso, e venite co me ve dongo la cioccolata).
Felice — (Va bene).
Giulietta — Ce l’aggio ditto a sta scema, na vota che tu non lo può vedè, che non te piace, che non lo vuò bene, dincello a patelo: quatte e quatte otto, io non lo voglio!
Lisetta — Ncè l’aggio ditto tanta vote, ma isso niente, pe forza me lo vo fa spusà, stanotte aggio fatta la nottata sempe a chiagnere!....
Angelica — Lisetta mia, pe carità, si te l’aie da piglià senza genio, minete chiù priesto abbascio, accussi muore una vota, e non ncè pienze chiù. Saccio io che significa no matrimonio fatto afforza!
Clementina — Oh, chesto è certo, e pecchè la vonno infelicità, povera figliola!
Angelica — Lo bello è che non si chiù a tiempo, a n’auto ppoco vene lo notaro, comme se fa? (parlano fra di loro).
Carluccio — Papà, io po doppo spusato, ve faccio sapè quacche piatto che non me piace.
Pasquale — Sissignore, se capisce! (parlano fra di loro. In questo frattempo Ignazio ha parlato nell’orecchio di Peppino, mostrando Felice, Peppino si maraviglia, poi parla all’orecchio di Michele, questi a Luigi, e quest’ultimo a Salvatore, e restano tutti meravigliati compreso Gennarino che gliel’a detto all’orecchio Luigi, e guardano Felice. Peppino gira intorno a Felice).
Felice — (Va trova chisto che bo da me!)
Peppino — (Sorte ti ringrazio, ho trovato il soprano!)
Carluccio— Scusate, vuie pecchè ve site vestuto accussi?
Felice — E io che ne saccio, pecchè D. Pascale accusì ha voluto.
Carluccio — Ma ched’è Carnevale?
Felice — Vuje che vulite da me, dicitencello a isso.
Carluccio — Vuje le diciveve, aggiate pacienzia, sto vestito non me lo voglio mettere.
Felice — E non ncè lo poteva dicere chesto.
Carluccio — Pecchè?
Felice — Pecchè chillo me dà mille lire a lo mese, e doppo che me vo fa vestere da cane, io m’aggio da sta zitto.
Carluccio — Vulite sapè la verità? Io sta cosa non la capisco.
Felice — Io non la capisco io, come la vulite capì vuje!
Pasquale — Neh. Gnà, io aggio fatto veni la stufa co li