Page:No turco napolitano.djvu/38

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
36
no turco napolitano


SCENA VII.

Raffaele e detti, poi Pasquale, Giulietta, Lisetta e Felice.

Raffaele — Arriva la sposa! (tutti si alzano).
Ignazio — Oh. finalmente! (escono i suddett, Felice è vestito da turco con frustino) Pasca, pecchè accussì tarde?
Pasquale — E non lo ssaie, li femmene quanno hanno da fa toletta, è n’affare serio, non se vedene maie spiccià. Carluccio bello!
Carluccio — Caro papà, io vedennove tricà, aveva cominciato a fa quacche cattivo pensiero e aggio ditto: vuò vede che la sposa non ncè vo veni?
Pasquale — Oh, non ncè penzà pe chesto, chella le parevene mill’anne de veni (le donne parlano fra di loro) Neh, Gnà, agge pacienzia, che haie mise li lampiuncielle?
Ignazio — Si, comme fanne belle, dì la verità?
Pasquale — Belle assaie, sulo tu potive fa sta pensate!
Ignazio — A proposito, Pascà, D. Felice, comme se porta?
Pasquale — Benissimo, Gnazio mio, aggio fatto n’affarone, si non me venive a rompere ll’ove dinto a lo piatto, me sarria costata na miseria, ciente lire a lo mese.
Ignazio — Tu po te lo pigliave pe ciente lire?
Pasquale — Comme, chillo era tanto contento, pecchè a la fine po, non ha da fa nisciuna fatica.
Ignazio — Aie fatto buono che l’aie vestuto da turco.
Pasquale — L’abito adattato, l’aggio mannato apposta a procurà. a Napole.
Ignazio — Psss (a Felice) Venite ccà?
Felice — A me?
Ignazio — Sissignore (Felice si avvicina) Comme ve trovate co Pascale, avete dormito bene?
Felice — Benissimo! Non ho proprio di che lagnarmi, e vi dico francamente, che sono mortificato di tante gentilezze che mi usa D. Pasquale. Stamattina appena fatto giorno, la serva mi ha portato il latte e caffè dentro il letto; credetemi, tanto della mortificazione, che m’e venuto a piangere, perchè sono attenzioni che io non ho avuto da nessuno.
Pasquale — Che centra, è dovere!