Page:No turco napolitano.djvu/37

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
35
atto secondo

Clementina — Uh! scusate, D. Ignà, io na parola aggio ditto.
Ignazio — E avite ditto na parola che non ’aviveva da dicere quanno avite da sta accussi’, è meglio che ve spartite, chiste sò consiglie de femmenelle!
Clementina — D. Ignà, badate comme parlate, ca ccà nisciuno è femmenella.
Ignazio — Femmenella e mmeza! quanno parlate accussi!
Clementina — Io pe regola vesta, D. Ignà, so na signora, e tutto Sorriento me conosce, nisciuno ancora m’ha chiammato femmenella!
Ignazio — N’auta vota mparateve l’educazione.
Clementina — No, io l’educazione la saccio sà, e te ne pozzo dà pure lezione, capisce?!
Ignazio — Vattenne leziò, tu sei na lazzarona qualunque!
Angelica — Non ve n’incaricate D.a Clementì...
Carluccio — Va buono zizi, quanno la vulite scamazzà me lo dicite!
Clementina — No, Angè, statte bona, me ne voglio i n’auta vota, jammoncenne Mariannì.
Mariannina — No, io non me ne voglio ì, io voglio abballà (piange).
Clementina — (forte)— Jammncenne te dico!...
Mariannina — (piangendo forte) — No, no, io voglio abballà, voglio abballà — (battendo i piedi a terra).
Angelica — D.a Clementì, che significa sta cosa, embè, me vulite tanto bene, e po...
Clementina — No, scuse, Angelica mia, maritete m’ha offesa, si se retira li pparole che m’ha ditto me stongo si no mo proprio ncè ne jammo.
Mariannina — (piangendo) — No, no, io me voglio sta, me voglio sta.
Clementina — Statte zitta tu!
Angelica — (va da Ignazio) -Vi prego di ritirarvi le parole che avete detto a D.a Clementina.
Ignazio — (Tiene mente che pacienzia).
Carluccio — (Zizi, ritirateve li parole, è femmena, che vulite fa?...)
Ignazio — Va bene, io mi ritiro le parole che vi’ho detto. Site contenta?
Clementina — Benissimo! Avete fatto il vostro dovere! Allora restiamo.
Mariannina — (battendo le mani) Oh che piacere, che bella cosa! che bella cosa!
Ignazio — (Quanto è antipatica chella gguagliona!)