Page:No turco napolitano.djvu/36

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
34
no turco napolitano


SCENA VI.


Angelica, e detti.

Angelica — Oh, cara D.a Clementina, cara Nannina.
Mariannina — Buonasera.
Clementina — Come staie, staie bona?
Angelica — Eh, non c’è male. Assettateve.
Clementina — Grazie tante (seggono) Finalmente doppo tanto tiempo, avite data na festa de ballo! Che vulite, ogne tanto, uno s’ha da divertì no poco, e io credo che si non se fosse data l’occasione de sto matrimonio, manche niente avarrisseve fatto.
Angelica — Che ncè vulite fa, D.a Clementina mia, che ncè vulite fa, io tengo no marito che a tutto penza, fuorche ai divertimenti.
Clementina — Ma D. Ignazio mio, scusate, vuie facite malamente, chella è figliola, e ogne tanto, l’avita da fa spassà no poco.
Ignazio — Ma cara signora, io tengo gli affari miei.
Clementina — Ma che affari, che affari, aggiate pacienza, che la vulite fa muri a sta povera figliola. Io, so io, e si non abballo almeno ogne otto iuorne, cado malata.
Ignazio — E che vuol dire, a voi forse vi piace di ballare, a noi no.
Angelica — Cioè a voi non vi piace, ma a me si! Basta, non parlammo de chesto, si no songo certa che me ntosseche la serata. Una cosa ve dico però: non me chiudite cchiù da dinto, si no faccio cose de pazze!
Clementina — Comme, comme! te chiude da dinto?
Angelica — Già, quanno esce, me chiude da dinto e se porta la chiave.
Clementina — Oh, D. Ignà, chesto è troppo, scusate.
Ignazio — Lo faccio per affezione.
Angelica — Io st’affezione non la voglio, vuie ve credite che facite buono, invece facite male assai, e quanno lo volite sapè, io vaco trovanno lo pilo dinta all’uovo pe ncè spartere, pecchè non me ne fide chiù!
Clementina — E avite ragione, quanno avite da sta accussi, è meglio che ve spartite.
Ignazio — Sempe è buono no consiglio de na vicina... D.a Clementì, chiste sò affare che a buie non ve riguardano, perciò faciteme lo piacere de non ve n’incarricà.