Page:No turco napolitano.djvu/35

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
33
atto secondo


Ignazio — Ma te pare che potimmo mettere sta notarella dinto a lo contratto, doppo spusate, amichevolmente se dice, vedite che sti piatte non me piacene.
Carluccio — Nuie facimmo na quistione, io piglio a D. Pascale e lo mengo abbascio!
Ignazio — Nonsignore, non ncè sarrà sto bisogno.
Carluccio — Va bene, io ve l’aggio avvisato.
Ignazio — Piuttosto dinto a lo contratto, sa che mettimmo, che ogne matina a tavola t’hanno da dà...
Raffaele — (annunziando) — Chelle che stanno sotto a buie.
Ignazio — (seguitando) Chelle che stanno... (st’animale mo me lo faceva dicere pure a me!) Avanti avanti... (escono Clementina, Mariannina, vestite da festa piuttosto caricate).
Clementina — D. Ignazio, buonasera. Signori...
Ignazio — Cara D. Clementina, cara D. Mariannina.
Clementina — Angelica stammatina ci ha invitate, e nuie avimmo accettato con gran piacere (porta guanti bianchi un poco rotti con qualche punta delle dita da fuori) Dovete scusare solamente che siamo venute un poco tardi, a causa che mia nipote qui presente, la quale quanno addà j a quacche parte, è capace che se stà vicino a la toletta doie ore.
Mariannina — Non è overo, dicite la verità, pecchè vulite dà la colpa a me. Aveveme date ad accuncià li stivalette a lo solachianiello, e mo ncè l’ha portate li vedite, comme l’ha fatte belle (mostra un piede) Ha voluto dois lire.
Clementina — Ma te staie zitto o no! Che stupida, pe se discolpà, trova na scusa accussì inconcludente. Nuje tenimmo tre pare de stivalette pedono.
Ignazio — (Non è overo, vanne scauze pe la casa), Io lo so, lo so, quella la ragazza scherza.
Mariannina — Neh, D. Ignà, stasera s’abballa?
Ignazio — Se capisce, dentro sta l’orchestra preparata.
Mariannina — (battendo le mani)— Che bella cosa, che bella cosa!
Clementina — Neh, ma Angelica addò sta?
Ignazio — Eccola ccà, Sta venenno.