Page:No turco napolitano.djvu/34

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
32
no turco napolitano

Carluccio — Aggio capito na cosa pe n’auta?! Comme te chià, mo me faie fa na pazziella e bonasera, vuò vedè che te chiavo no caucio e te faccio avutà tuorno tuorno tuorno pe n’ora e mmeza?
Peppino — Nonsignore, non v’incomodate (siede frettoloso).
Carluccio — (passeggia) — Io credo che vuie non sapite co chi avite che fa... nfaccia a me, avite capite na cosa pe n’auta! Ringraziate lo Cielo che v’è benuta bona, e sapite pecchè? pecchè stasera aggio da spusà e non voglio fa sentere lo nomme mio. Si sti parole l’avarrisseve ditto aiere, a chest’ora starrisseve a lo spitale (i 4 ridono, Carlo li guarda e loro si fermano) Pecchè io, capite, io ncapo non ncè tengo doie cervelle, ncè tengo doie spogne, nfose dinte all’acqua de raso (i 4 ridono c. s.) lo sango mio, non è sango è petrolio! (i 4 come sopra) perciò comme me guardate io m’appiccio tutto quanto!... (dopo pause ai 4) Guagliù, vuie pare che state redenno?
Michele — Nonsignore! E pecchè aveveme da ridere?
Carluccio — No, me credeva.


SCENA V.

Ignazio e detti, indi Raffaele Clementina e Mariannina

Ignazio — Guè, Carlù, si benuto?
Carluccio — Sissignore, bacio la mano.
Ignazio — Comme staie bello, bravo Carluccio.
Carluccio — La sposa non è venuta ancora?
Ignazio — No, ma chille mo li bide venì.
Carluccio — Zi Gnà, io po stasera primme de firmà lo contratto, volarria parla co D. Pascale pe riguarda a li 4 anne de tavola franca.
Ignazio — E che le vuò dicere?
Carluccio — Voglio sapè isso che ntenne de me dà a magnà, io aggio fatto na notarella de tutto chello che non me piace, e tale e quale se mette dinto a lo contratto, (caccia una noticina) Ecco ccà. (legge) «Cibi che non piacene a lo sposo — Menesta verde — Fasulille co l’occhietielle, ova cotte... »
Michele — 'E papere! (lazzi).
Carluccio — (seguita) — « Fecato fritto...»
Michele — E baccalà! (lazzi).
Carluccio — (seguita)—Molignane a fungetielle, patane co la nzogna, cucuzzielle case e ove, nzalata de cetrole, e lattuga romana».
Ignazio — Va bene, mo vedimmio.
Carluccio — Comm’è mo vedimmo, io voglio fa tutte le cose chiare, accussì doppo non facimmo chiacchiere.