Page:No turco napolitano.djvu/33

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
31
atto secondo


Ignazio — (Acquaiuò!...) (via a sinistra).
Peppino — (guarda intorno) — Non c’è nessuno. A noi, facciamo la prova generale, cacciate le carte. (I 4 cacciano le carte e cantano il coro della la scena del 1° atto) Oh, che piacer! (cantando) E non tenere una voce di soprano... che peccato!... (cantano, mentre dicono). In verità, in verità...


SCENA IV.


Raffaele e detti, poi Carluccio.

Raffaele — (annunziando) — D. Carlino, lo sposo, (i 5 non gli badano, esce Cariuccio in soprabitino nero molto stretto, gilè e calzoni neri stretti e guanti neri, cravatta bianca e con cappello alto con falde strette, si ferma e guarda i 5).
Carluccio — Pss, guè... ched’è? levateve da miezo, stateve zitte! me parite cinche cane!
Peppino — Scusate, noi siamo degli invitati.
Carluccio — E comme a mmitate, v’avita sta co tutta l’educazione e l’umiltà. Vuie venita dinta a na casa de uno, e ve mettite ad arraglià de chesta manera!...
Peppino — Ma vedete...
Carluccio — Pss, statte zitto, vuie site invitate e assettateve llà.
Peppino — Ma io...
Carluccio — Haie capito assettete llà? ma quanno maie io dico na cosa doie vote! (Peppino siede) Vuie pure site mmitate?
Michele — Sissignore. Noi siamo i giovani del negozio di D. Pasquale.
Carluccio — Va bene, assettateve lloco e non ve movite. (i 4 seggono) Vuie forse non sapite io chi songo? Io songo lo sposo (i 4 muovono il capo) Io songo lo sposo! (i 4 fanno lo stesso) (Guè, io dico che songo lo sposo, e chille fanno co li cape accussì!) Ma vuie educazione ne sapite o no? Comme, io songo lo sposo, e vuie non me facite cerimonie?...
Peppino — Scusate, signore, noi non vi conoscevamo, e quando siete venuto, stavamo provando un coro, che ho composto io, da cantarlo questa sera, in occasione del vostro matrimonio.
Carluccio — Ma che coro, e coro, e provà, lo coro non se prova, se vede co li fatte, se tene mpietto.
Peppino — No, avite capito una cosa per un’altra.