Page:No turco napolitano.djvu/31

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
29
atto secondo

Angelica — Vide lloco vi, uh! mamma mia. io mo me vaco a spuglià!
Ignazio — Che cos’è, Angè?
Angelica — Comme che cos’è, non vedite die chillo è cecato, vuie che avite fatto?
Ignazio — Eh, ma io chesto non lo sapeva. Professò scusate, vuie po me portate no cecato ccà?
1a Suonatore - Pe na lira che ghiate trovanno.
Ignazio — Pss, va bene ho capito (ad Angelica) Ha ditto che è cecato, ma è una celebrità. Trasite llà (indica, a sinistra) mo vengo io e v’acconcio lo tavolino co li lume (i tre entrano).
Angelica — Pure è buono che nuie non conoscimmo a nisciuno, e nisciuno ncè vene, si no sà che bella figura se faciarria!...
Ignazio — Ma pecchè, agge pacienzia, chillo ha da sunà co la vocca no co l’uocchie.
Angelica — Jatevenne, jatevenne, non ve voglio senti chiù, lasciateme sta! Ah, io co st’ommo certo me ne moro (via 2a a destra).
Ignazio — Angelicuccia, Angelicuccia... comme me venette ncapo a me de me nzurà... chella ave ragione, è figliola, è friccecarella.


SCENA III.


Raffaele e detto poi Peppino, indi Raffaele, Michele,

Luigi, Salvatore e Gennarino.
Raffaele — Il signor Giuseppe Giallo.
Ignazio — Giallo?
Raffaele — No... me pare Giuseppe Blu... no Bianco...
Ignazio — Se po sapè che colore è?
Raffaele — Non me ricordo, aspettate (via e torna sui bito)
Ignazio — Va trova che cancaro sarrà... chi e.
Raffaele — Il signor Giuseppe Rosso.
Ignazio — Avanti, favorisca.
Peppino — (soprabitino nero, gilè bianco e calzone nero) Rispettabilissimo Signor D. Ignazio.
Ignazio — Oh, caro D. Peppino.
Peppino — Il mio principale con la moglie e a figlia, fra poco saranno quà, egli ha invitato a tutti giovani del suo negozio, credo che non vi dispiacerà?
Ignazio — Oh, per carità, anzi mi fa piacere (Che me ne mporta a me, pe li gelate e li dolce ncè ha da pensà