Page:No turco napolitano.djvu/30

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
28
no turco napolitano


SCENA II.


Angelica, e detto, poi Raffaele e 3 suonatori.

Angelica — (in abito da festa, ma non di lusso, esce e va alla finestra)
Ignazio — Angelicuccia mia ched’è, non saccio comme te veco?
Angelica — Sapite che ve dico D. Ignà, stasera, non me parlate, non me dici te niente, lasciateme sta!
Ignazio — Ma pecche? Che è stato? co chi l’aie?
Angelica — E me l’addimmannate pure? l’aggio co buie proprio!
Ignazio — Co me? e pecche?
Angelica — Pecchè non me fide chiù de fa sta vita, si vuie m’avisseve ditto de farme sta sempe chiusa dinta a la casa, io non me sarria mmantata. Aiere ascette na mez’ora e me ritiraie, stammatina so stata chiusa da dinto tutta la iornata, ma perchè, domando io, perchè?
Ignazio — Pecchè?... pecchè te voglio troppo bene, sciasciona mia, me metto paura de tutto, voglio che non te guardassero nemmeno. Sò geluso assale, che aggio da fa.
Angelica — Ma che gelosia! chesta non è gelosia, è oppressione!
Ignazio — Quanto staie bella stasera, me pare na palummella, na tortorella...
Angelica — E vuie me parite no scorpione!
Ignazio — Dimme chello che buò tu, io da te me soffro qualunque cosa.
Angelica — Io po non capisco che avite combinato ccà, avite mise li lampiuncielle?
Ignazio — Pecche, stanno malamente?
Angelica — Ma se capisce, comme v’è venuto de fa chesto, vedite che figura infelice avimmo da fa nuie.
Ignazio — Pecchè figura infelice, quella è una novità.
Angelica — Bella novità, veramente degna de vuie.
Raffaele — (annunziando)— I professori d’orchestra.
Ignazio — Ah bravo! avanti.
Raffaele — Favorite (escono 3 suonatori con trombone e violino, quello che suona il violino è cieco, ed il clarino lo porta per sotto al brccio, quest’ultimo ha una lente bleù)
1a Suonatore - Felicesera.