Page:No turco napolitano.djvu/28

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.


ATTO SECONDO


Camera semplice in casa d'Ignazio — porta in fondo, 3 porte laterali e finestra 1a quinta a sinistra del pubblico — In fondo due conzole con orologi — lampiere nel mezzo, dove invece delle candele ci sono 24 lampioncini di tutti i colori— Un piccolo tavolino tondo con tappeto e 10 sedie di Vienna.


SCENA I.


Ignazio e Raffaele.

Ignazio — (dal fondo a sinistra in calzone nero stretto e corto, gilè bianco e cravatta bianca)— Jammo, iammo. Rafaè, non perdimmo tiempo, sti duie candelabri ncoppa a lì conzole.
Raffaele — (calzone nero, ghetti langhè, e livrea rossa esce appresso a Ignazio con due candelabri accesi con candele da 2 soldi l'una) — Subito. (situa i due candelabri su di una conzola).
Ignazio — Che hai fatto, animale! n'aie da mettere uno pe conzola, jammo, io non lo pozzo fa pecchè po essere, che me va no poco de cera ncuollo, e chesta non è na giacchetta qualunque, chesta è sciassa.
Raffaele — (esegue) — Va bene accussi?
Ignazio — Va buono. Mo sà che haie da fa, vattenne fore a la sala, e quanno vene quaccheduno l'aie d'annunzià co na bella voce.
Raffaele — Signore mio, non ve pozzo servì, na vota teneva na bella voce, 35, 36 anne fa, aggio fatto pure lo corista a S. Carlo, mo me so fatto viecchio.