Page:No turco napolitano.djvu/26

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
24
no turco napolitano


nosciuto, del resto quanno è dimane ve firmo lo contratto.
Felice — Va bene Oh, mo vularria sapè che aggio da fa pecchè so 1000 lire a lo mese, io intendo di lavorare, Mo me metto ccà, e vuie me dicite che aggia fa (siede al contair)
Pasquale — Nonsignore. Iuvateve a lloco chisto e ’o posto de lo casciere!


SCENA X.


Peppino, e detti, poi Michele, poi Salvatore, poi Luigi e Gennarino indi Concettella Giulietta e Lisetta
Peppino — Eccomi di ritorno, ho incassato la cambiale.
Pasquale — Ecco, guardate, questo è il cassiere.
Peppino — Per servirvi (va al contair).
Felice — Favorirmi sempre. Allora me metto ccà (va alla scrivania).
Pasquale — Nonsignore. Iuvateve da lloco chisto e lo posto de lo scrivano.
Michele — Lì ficosecche l’avimmo aperte.
Pasquale — Ecco quà, questo è lo scrivano.
Michele — Sissignore, io so lo scrivano.
Felice — Tanto piacere.
Pasquale — Miche', miettete llà.
Salvatore — (dal fondo con carrettino) — Ccà sta la carrettella, jammo co la spedizione.
Pasquale — Sti cinche caneste pe Napole (Salvatore incomincia a prenderle)
Felice — Mo l'aiuto io. (esegue).
Pasquale — Luvateve da lloco... ma che site pazzo... chesto ncè sta chi lo fà (chiama) Luigi, Gennarino?
Luigi — Comannate
Gennarino — Eccome ccà.
Pasquale — Jammo, jammo, la spedizione pe Napole.
Luigi — Subito (insieme a Gennarino alzano le canestre e le mettono sul carrettino)
Concettella — Ecco ccà la signora.
Giulietta — (con cappello) Eccoci pronte. Pascà, agge pacienza, stammatina è proprio na bella giornata, e volemmo piglià no poco d'aria.
Lisetta — (con cappello) Ncè facimmo na bella cammenata.
Giulietta — Credo che non te dispiace?
Pasquale — A me fa piacere.