Page:No turco napolitano.djvu/25

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
23
atto primo


Felice — (Mo se libera! Ma che so addeventato na specchiera?) Ignazio — 560.
Pasquale — 600.
Ignazio — Ma addo volimmo arriva? neh Pascà? Cheste non so azione che se fanno!
Pasquale — Non te n’incarricà, tu haie da risponnere.
Felice — Se capisce, voi o lasciate o mettete.
Pasquale — Dunque, 600 — è una... e due...
Ignazio — 610.
Felice — Uh! vuie iate troppo muscio.
Pasquale — 700.
Ignazio — (dopo pausa) — 720.
Pasquale — 800, 900. Mille! Mille! Mille!
Ignazio — (E che so pazzo! Che me l’aggio d’accattà?)
Pasquale — 1000, e una... 1000, e due... ched’è, nonrispunne chiù? È una... e due... e una e due... e tre!
Felice — (S'è stutata ’a cannela!)
Pasquale — Dunque voi starete con me.
Felice — Va bene.
Ignazio — Io avarria potuto mettere de chiù, ma aggio visto che ncè tenive na gran premura, e me so fermato (a Felice) (Se caso maie ve contrastate co isso, venite da me, e io ve dongo sempe 700 lire a lo mese).
Felice — Va bene (Io aggio da essere na gran cosa, e non me ne so addunato!).
Ignazio — Pascà, statte buono, ncè vedimmo dimane a sera.
Pasquale — Statte buono.
Ignazio — Scuse, sà, so affare, uno non s’ha da piglià collera.
Pasquale — No, e che collera?... (Puozze sculà, da ciente lire m’ha fatto arrivà a 1000 lire!)
Ignazio (a Felice) — (Dunche avite capito? Sempe 700 lire!)
Felice — (Va bene) (Ignazio via).
Pasquale — Vi che ciuccio, se voleva mettere co mmico.
Felice — Ma scusate D. Pascà, pecchè ha fatto chesto? pecchè teneva tanta premura pe me?
Pasquale — Pecchè?... pecche isso pure tene la mogliera giovene, capite, ve voleva tenere isso dinto a la casa, nonsignore avite da sta co me.
Felice — (Neh, io addò so capitato!) Ma vedite D. Pasca. io volarria fa no contrattiello.
Pasquale — E che paura avite, io so no negoziante co-