Page:No turco napolitano.djvu/24

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.



SCENA IX.


Felice, e detti.

Felice — Io vi ringrazio, sapete, me so proprio consolato, tenete no bicchiere de vino, che di facilmente se trova a n’auta parte.
Pasquale — Quello è vino puro, è vino delle mie terre, lo credo che nemmeno in Costantinopoli se trova no bicchere de vino accussi, e vero?
Felice — Sicuro. (E io saccio chesto!) O’ avuto l’onore di conoscere vostra figlia, e la vostra brava signora.
Pasquale — Benissimo! E comme ve parene?
Felice — Sono due belle figliole!
Pasquale — Veramente?
Felice — Veramente!
Pasquale — Già, vuie n’avite viste che n’avite viste, mo non ve fanno chiù impressione.
Felice — (Io tengo la sventura de non capì a chisto, io sto viecchio non lo capisco!)
Pasquale — Dunque, venimmo a nuie, io v’aggio ditto che ve voleva dà ciente lire a lo mese, invece ho pensato meglio, ve ne darò 120, va bene?
Felice — Io ve ne ringrazio sempre.
Ignazio — Giovinò, io sò amico de Pascale, qui presente, primme steveme in società, po ncè simme divise, e ognuno se vede lo ssuio. Si vuie venite co me, io ve sso 150 lire a lo mese.
Pasquale — Oh, Gnà, chesto po non è da galantomo.
Ignazio — Ccà non c’entra lo galantomo, ognuno cerca de fa li fatte suoje.
Pasquale — E io te dico che sto giovene non me lascia.
Felice — Scusate, chillo m’ha mise 30 lire de chiù.
Pasquale — E io ve do 170 lire al mese.
Ignazio — E io ve ne do 200.
Pasquale — E io 250.
Ignazio — E io 300.
Pasquale — E io.. già, queste non sono azioni che si fanno.. ma non mporta 350.
Ignazio — 400 lire.
Pasquale — 500.
Felice — (Ncasate a mano!)
Ignazio — 501 lire.
Pasquale — 550 è una... e due..