Page:No turco napolitano.djvu/23

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
21
atto primo


cia. Io appena aggio visto chesto, aggio ditto mo ncè l’aggio ì a dì a lo patrone.
Pasquale — (freddamente) — Già, aie ragione, haie fatto buono; ma da oggi in poi non te n’incarricà de chillo giovene, lassalo ì.
Concettella — Comme! chelle l’hanno reduto nfaccia?
Pasquale — E che fa, non te n’incarricà.
Concettella — Eh, quanno lo dicite vuie. Li ficosecche me li vulite dà?
Pasquale — Nonsignore, basta mo, te n’aggio date assaie, po te fanno male.
Concettella — Comm’è, manco li ficosecche pozzo avè? embè, nuie avimmo fatto lo patto?
Pasquale — Che patto! non me rompere la capa! lasceme sta! Va munne quatte ammennole nzieme co Gennarino llà dinto. (mostra a sinistra).
Concettella — Comme! non aggio da j ncoppa?
Pasquale — Nonsignore, va mmunne l’ammennole t’aggio ditto.
Concettella — Va bene. E la mmasciata a la signora chi ncè la fa?
Pasquale — Quà mmasciata?
Concettella — Che quanno so pronte hanno da scennere ccà?
Pasquale — Ah, già, allora va ncè lo dice.
Concettella — Eccome ccà. (Jo pe me non ne capisco niente chiù). (via).
Pasquale — Gnazio mio, io te ringrazio, tu m’aie fatto riflettere na cosa che io comme a no ciuccio, non ncè aveva pensato. (Ignazio passeggia turbato e non gli bada). Chi meglio d’isso me po sta attiento a moglierema, e io intanto pozzo fa li fatte mieie, e pozzo sta sicuro de pensiero.... Gnà, ched’è, che è stato?
Ignazio — Niente Pascà, me so attaccato li nierve.
Pasquale — Ma, caro Gnazio, tu ne potarrisse fa lo meno de te piglià collera, te pare che io te poteva cedere a chillo giovene, era impossibile.
Ignazio — Io te l’aveva cercato come favore.
Pasquale — Ma è no favore che io non te pozzo ta.
Ignazio — E va bene.
Pasquale — Ah, eccolo ccà.