Page:No turco napolitano.djvu/22

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.

rh 20

Pasquale — E che me no preme, chilllo po sta quanto vo isso.
Ignazio — E pecchè?
Pasquale — Pecchè?... teh, liègge sta lettera (gli dà la lettera. Ignazio legge piano)
Ignazio — Oh, vedete che combinazione!... (Sangue de Bacco! chisto sarria buono pe guardà a moglierema...) Pascà, si te cerco no piacere, me lo faie?
Pasquale — Che piacere?
Ignazio — Ciedammillo a mo sto giovinotto, doppo che te n’aggia trovà io n’auto a te.
Pasquale — E pecchè?
Ignazio — Comme pecchè, io me ne servo pe n’auta cosa!
Pasquale — Che cosa?
Ignazio — Comme, tu non ncè sì ghiuto all’idea? le faccio fa la guardia a moglierema, e addò lo trovo meglio?
Pasquale — Tu che dice!... Sicuro!... (Sangue de Bacco, io non ncè aveva pensato!... e chesto lo faccio io!...)
Ignazio — Che dice neh, Pascà?
Pasquale — Gnazio mio, è impossibile, non te lo pozzo cedere.
Ignazio — E nieghe stu favore a n’amico comè a me?
Pasquale — Ma che amico, agge pacienzia, tu m’aie apierto la mente, la guardia la faccio fa a moglierema!
Ignazio — Ah, neh? e bravo!


SCENA VIII.


Concettella, e detti.

Concettella — (con premura) — Signò, signò...
Pasquale — Che è stato?
Concettella — Eh! che è stato? mo certo m’avita dà la meza lira.
Pasquale — Pecchè?
Concettella — Primme de tutto, la signora se sta vestenno nzieme co la figlia vosta, e ve manna a dì che vo ascì no poco.
Pasquale — Va bene, quanno so pronte, dincello che scennessere che io l’aspetto ccà bascio.
Concettella — Vulite che scennessere ccà?
Pasquale — Sissignore.
Concettella — Va bene, io accussì le dico. Po avita sapè, tanto la signora, quanto la figlia vosta, vedenno a chillo giovene che sta ncoppa, l’hanno addimmannate tanta cose, e po all’urdemo l’hanno reduto nfac-