Page:No turco napolitano.djvu/21

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
19
atto primo

Pasquale — Perfettamente.
Ignazio — 12 mila ducati de dote, e quattr’anne de tavola franca.
Pasquale — Nonsignore, rimmanetteme duie anne de tavola franca.
Ignazio — Uh! Pascà, non accommincià mo, io te dicette quatt’anne!
Pasquale — E io che te nsponnette? Quatt’anne non ve le pozzo dà.
Ignazio — E io te dicette, duie anne non me conviene.
Carluccio — Psss, va buono... (a Pasquale) Dateme quatt’anne.
Pasquale — Ma io...
Carluccio — Dateme quatte anne...
Pasquale — (Io te darria 15 anne de reclusione!)
Ignazio — (Mo pe duie anne de mangià te miette in urto co chisto?) (a Pasquale)
Pasquale — Va bene, non ne parlammo chiù, siene quatt’anne.
Ignazio — Bravo, Pascale!
Carluccio — Vulite che vaco a piglia zi zia?
Ignazio — Si, Carlù, chella starrà aspettanno, non esce da tre ghiuorne, poverella. Tiene, chesta è la chiave, falle fa quatte passe pe la strada nova, che io mo ve vengo a ncuntrà.
Carluccio — Va bene. D. Pascà, permettete? (saluti con lazzi e via)
Pasquale — E tu mogliereta la tiene sempe nzerrata neh Gnà?
Ignazio — Eh, caro Pascale, non aggio saputo trova auto mezzo che chisto pe sta sicuro, tu pazzie, chella tene 27 anne, e io ne tengo 56.
Pasquale — La stessa posizione mia, anze, io ne tengo 59 e essa 26.
Ignazio — Tu mo me cride, Pascà, io co tutto che la tengo chiusa, pure quanno esco stongo co no pensiero... che brutta cosa che è la gelosia.
Pasquale — Eh, dimmello a me. La gelosia te fa cadè malato e non te n’adduone.
Ignazio — Te ne fa scennere da dinta a li panne.
Pasquale — Mo però aggio pigliato no giovene, che s’incarica di tutti gli affari miei, e accussì pozzo sta sempe vicino a essa.
Ignazio — Haie pigliato no giovene, e addò sta?
Pasquale — Sta ncoppa, sta facenno marenna.
Ignazio — E tu lo faie sta ncoppa?