Page:No turco napolitano.djvu/20

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
18
no turco napolitano


mette n’auta vota a lo pizzo suio, chella sta proprio vicino a la poteca mia.. e che aggio da fa, chiamme nu paro de facchine e falla mettere. E chiammatele vuie. E tu nfaccia a me dice: chiammatele vuie... ppa, le dette no schiaffo e le facette fa tre capriole. Se sose, arape l'uocchie e caccia lo revolvere, da dinto a la poteca ascettene n’auti quatte amice suoie ca li revolvere mmano mpustate nfaccia a me, io poverommo steva senza niente; ma co tutto chesto non me perdette de coraggio, me fermaie a no pizzo, e arreparava lì palle... sparate, sparate... pp, ppò, ppù... lì carugnune doppo sparate se mettettene a fuì, io lì corrette appriesso, finalmente me ne venette uno mmano... io mo che t'avarria fa, t'avarria da strafucà? Non mporta, faie compassione, vattenne, lo pigliaie e lo vuttaie pell'aria!
Pasquale — (Comme fosse stato no muscillo!) Che bella forza, che bello coraggio!
Ignazio — Pascà, chisto è no giovene che va denare assaie, figlieta fa la fortuna soia, mare chi le dice na parola quanno s’ha pigliato a chisto.
Pasquale — (A proposito, Gnà, chillo quanno s'ha pigliato a figliema, l’avessa piglià e l'avesse vuttà pell’aria, io po addò me la vaco a piglià ncoppa a no 3° o a no 4° piano?)
Ignazio — (No, questo non lo fa, poi è un giovine educato).
Carluccio — A proposito D. Pasca, io v’aveva dicere na cosa riguardo a sto matrimonio. La piccerella vosta pare che poco me potesse alleggerì, facite che dimane a sera, avesse da dicere n’auta vota che non me vo cchiù, io po sì non aggio fatto maie niente, e non me ne so incaricato, dimane a sera facimmo no poco d’opera.
Pasquale — Nonsignore, dimane a sera se fanno tutte le cose in regola.
Ignazio — Non voglia maie lo Cielo, Pascà, chella dimane a sera, avesse da fa quacche tirata de mente, nuie addò nce iammo a mettere co chisto?
Carluccio — No, pecchè capite, io non ncè veco chiù, e a chi paleo, paleo!
Pasquale — Nonsignore, non ncè sarrà bisogno de palià a msciuno.
Ignazio — Io aggio preparata già la gallaria, comme combinaieme, lo metto li cannele e penzo pe li sunature, e tu pienze pe li gelate, li dolce e lo rosolio.