Page:No turco napolitano.djvu/19

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
17
atto primo

Pasquale — E ched’è stamme ancora co ste cerimonie, dimane a sera se spose a figliema.
Ignazio — Agge pacienzia, Pascà, facimmolo contento, tu sai chillo quanto è terribile, po essere che se piglie collera... Aissera pigliaie a n’ommo e lo vuttaie le ll’aria!
Pasquale — Nientemeno!
Ignazio — Succedette no chiasso!
Pasquale — (va in fondo) Favorite, favorite D. Carlù.
Carluccio — (mattinè e calzone strettissimo, cappellino all’italiana con falde molte strette, e bastone) — Io ve ringrazio tanto; ma sto D. Carlù, a la verità, non me piace, me potarrisseve chiammà de n’auta manera.
Pasquale — E de che manera, scusate?
Carluccio — Comme, io dimane a sera, m aggio da spusà la figlia vosta, e vuie me chiammate co lo Don? me pare che sia na caricatura che me vulite fa.
Pasquale — Nonsignore, ho creduto...
Ignazio — (Pascà, non lo risponnere.. )
Pasquale — (Eh, uno à da parlà...)
Carluccio — Da oggi in poi voglio essere parlato co lo tu... ncè simme capite?
Pasquale — Va bene.
Ignazio — Pascà, chillo sta no poco arraggiato pe no fatto che le succedette aissera. Carlù, contele lu fatto d’aissera.
Carluccio — Jh, che ghiate contanno, so cose de niente.
Pasquale — Ma che te succedette neh Carlù?
Ignazio — Contancello Carlù.
Carluccio — Io steva assettato vicino a lo Cafè mmiezo a la piazza, e steva facenno quatte chiacchiere co n’amico, quando tutto nsieme vedimmo na folla vicino a la preta perciata, me sose e corro, appena vedettene a me, tutte quante se scustaiene... ched’è, che è stato? Sta signora furastiera, dicette uno, sta chiagnenno, pecchè le ghiuto l’aniello de brillante dinta a uno de sti pertose, comme se fa mo, comme se piglie? se tenevene mente nfaccia e nisciuno se moveva. Luvateve, luvateve da nanze, m’acalaie nterra, e co sti doie dete aizaie la preta perciata.
Pasquale — (Comme fosse stata na salera).
Carluccio — Po co no fiammifero, scennette, pigliate l’aniello e ncè lo dette a la signora. Mentre chella me ringraziava, piglie e vene Ntonio lo perucchiere nfaccia a me, è uno che se crede malamente, ma non è overo, e dice: Scusate D. Carlù, mo sta preta chi la