Page:No turco napolitano.djvu/18

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
16
no turco napolitano

Felice — Eh, così, cosi... (E pecchè so disgraziato?!)
Pasquale — Ah! povero infelice! povero infelice!
Felice — (Ma che m’aggio da ì a mpennere a stu paese?!)
Pasquale — Avite fatto marenna?
Felice — Nossignore, non ancora.
Pasquale — Aspettate, mo ve servo io (alla porta a destra chiama) Concettella? Concettella?... Mo ve faccio fa na costata, co no bello bicchiere de vino, e ve mettite no poco in forza, n’avite piacere?
Felice — (E che, so debole dinte a li gamme!) Come volete voi.
Pasquale — Po doppo calate, e incominciate a fa qualche cosa, ma cose leggiere sà, v’avisseve da credere che ve faccio faticà assai, io so la vostra posizione quanto è critica, tenete la volontà, ma...
Felice — (Chisto che dice!) Fate voi, io dipendo da voi.
Pasquale — (chiama) — Concettella?


SCENA VII.

Concettella e detti, poi Ignazio, indi Carluccio.

Concettella — Comandate.
Pasquale — Porta sto giovene ncoppa a la cammera de mangià, falle na costata, e dalle no bicchiere de vino buono.
Concettella — A sto giovene? (meravigliata).
Pasquale — A sto giovene, si!...
Felice — Mo comincene rinvidie, lo principale ordene na cosa, e voi trovate difficoltà.
Concettella — A me? Nonsignore!
Pasquale — Jate, iate co sta figliola.
Felice — (a Concettella) — Vuè vede che me ne mangio doie, custate?
Concettella — Mangiatevenne pure tre! Favorite.
Felice — Grazie (entra).
Concettella — (Guè, chillo è tanto geluso, e po fa saglì sto giovene ncoppa). (entra).
Pasquale — Povero giovene, me fa na compassione che non se po credere.
Ignazio — (con chiave) — Buongiorno Pascà.
Pasquale — Salute Gnà.
Ignazio — Pascà, agge pacienza, chillo fore ncè sta Carluccio nepoteme, ha ditto che non trase si tu non lo vai a ricevere.