Page:No turco napolitano.djvu/14

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
12
no turco napolitano


Michele — Oh, ve pare...
Errico — Sto D. Felice Sciosciammocca, è amico strettissimo, ncè conoscimme da quinnece, sidece anne, ieveme a una scola, ncè vulimmo bene comme a duie frate. Ncè avimmo fatte sempe degli scherzi scambievoli, senza pigliarce maie collera, perchè finalmente poi non erano gran cose. Quatte mise fa chisto andevina che me combina? Io m’aveva da spusà na figliola co 30 mila ducate di dote, la mamma e lo padre erano due bravissime persone. La sera io aveva da a firmà lo contratto, siccome era di Carnevale, quest’assassino che pensa de fa? Me manna na lettera firmata dal padre della sposa, addò diceva: Carissimo Genero. Essendo carnevale, ho pensato di firmare il contratto di matrimonio con gl’invitati tutti vestiti in maschera, ve l’ho voluto avvisare, acciò scegliete un bel costume e fare una bella sorpresa. Vostro ec. ec. Jo me lo credette comme se l’avarria creduto chiunque, e la sera me presentale mmiezo a tanta signori vestito da selvaggio (Michele ride) Figurete, co tutte li gamme da fore, tutto tignuto, succedette una risata generale! Lo padre e la mamma de la sposa se nfuriaiene, dicettene che io l’aveva offesi, e non me volettene dà cchiù la figlia. La matina appriesso, trovaie a chillo assassino e me dicette che era stato isso, appunto pe me fa scombinà lo matrimonio, pecche se io me sarria nzurato, sarebbe finita la nostra amicizia. Intanto pe no scherzo, me facette perdere 30 mila ducati!
Michele — Aggio capito, vuie mo pe ve levà la preta da dinta a la scarpa, l’avite combinato quacche cosarella?
Errico — Na cosa che non se la po maie aspettà.
Michele — E che cosa?
Errico — Isso iuorne fa se presentaie da ziemo lo Deputato per essere piazzato in qualche posto come segretario o contabile. Ziemo scrivette a sto D. Pascale Catone, proponendogli un giovine di gran fiducia. Questo accettò, e l'aspettava stammatina con la lettera di presentazione. Io aiere appuraie tutte cose, currette da ziemo e lo pregaie tanto e tanto fino a che lo persuadette a farle fa chello che diceva io.
Michele — E che le facisteve fa?
Errico — Nella lettera di presentazione, all’ultimo, l'aggio fatto mettere na cosa, che quanno lo principale tu io lo legge, ncè facimmo no sacco de risate.