Page:No turco napolitano.djvu/13

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
11
atto primo

Pasquale — Na visita? E che visita?
Concettella — È venuta la commara nzieme co lo figlio.
Pasquale — Lo figlio?... Va bene che chillo è no guaglione de 12 anne, ma a li vote no piccerille de chisto te combina quacche piattino... vattenne ncoppa che io mo vengo... tiene cheste so quatte noce, (le dà).
Concettella — Signò, ma vuie me dicisteve che me diveve meza lira ogne mmasciata.
Pasquale — No, te dicette meza lira ogne mmasciata positiva, mmasciate serie. Quanno so cose semplici, cose de poco momento, te dongo o noce o ficosecche, va, va ncoppa.
Concettella — Va bene. (via).
Pasquale — Michè, si vene quaccheduno, fallo aspettà, io appena se ne va la commara scengo, chillo è venuto lo guaglione, capisce?
Michele — Va bene. (Pasquale via) Poverommo, da che s’è nzurato non conchiude cchiù; ma ave ragione però; chella mogliera è bona assaie, io quanno la veco, che saccio, me sento fa li carne pecune, pecune!


SCENA IV.

Errico, e detto.

Errico — (dal fondo) — Neh, scusa e... Che veco, Michele!
Michele — D. Errico!... E come va da chesti parte?
Errico — So venuto pe n’affare. E tu che faie ccà?
Michele — Vuie lo ssapite, io era giovene de Notaro, avette l’occasione de trovà sta piazza, e mo faccio lo scrivano.
Errico — E lo principale tuio se chiamma D. Pascale Catone?
Michele — Sissignore, ricco negoziante.
Errico — Benissimo! Michè, dimme na cosa. Poco primme ccà, fosse venuto no giovinotto, no certo D. Felice Sciosciammocca?
Michele — Sissignore, ha rimasto lo biglietto de visita suio, dicenno che a n’auto poco tornava.
Errico — (ridendo) — Ah! ah! sangue de Bacco, te voglio fa fà l’arma de li rrise!
Michele — E pecchè?
Errico — Pe no servizio che l’aggio combinato, o sia non è altro che na rivincita che m’aggio voluto piglià. Mo te dico tutto, ma Michè, te raccomanno?...