Page:No turco napolitano.djvu/12

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
10
no turco napolitano

Concettella — Vuie m'avite ditto che vulite sapè tutto chello che fa la signora quanno vuie non ncè state?
Pasquale — Sì, pecchè?
Concettella — Poco primme ha voluto esser lavato pulito pulito Sciurillo lo cacciuttiello.
Pasquale — E pecchè?
Concettella — Mo sentite. Po doppo l'ha pettinato tanto bello, ncè ha mise la polvere, e lo sta mparanno a fa li gioche.
Pasquale — Li gioche!
Concettella — Già, l'à mise dinto a n'angolo de muro, e le dice: Ferma Sciurillo, non te movere! Credo che aggio fatto buono a dirvelo.
Pasquale — Sicuro che haie fatto buono, va bene che non è na gran cosa... ma pecche tanta premura pe sto cacciuttiello?
Concettella — Avita vedè quanta vase che l'ha date.
Pasquale — L’ha vasato? l’ha vasato? stasera sparo lo cacciuttiello. Te raccomanno, statte attiente, famme sapè tutte cose. Tiene astipete sti ficosecche (glie le dà).
Concettella — Grazie tanto. (Vi che bello complimento che m’ à fatto!) (via poi torna).
Pasquale — Quanno è ogge, piglio lo cacciuttiello e lo regalo a Gnazio, io non capisco pecchè lo vo mparà a fa li gioche, me li mpare a me a fa li gioche... (a Peppino che batte la musica) Peppì, che staie facenno?
Peppino — Niente, sto assommando certe cifre.
Pasquale — E p’assommà li ccifre puorte la battuta?
Peppino — Io porto la battuta? Nonsignore! Siccome non mi trovava col totale mi sentiva rabbia, e diceva dove sarà l’error, dove sarà l’error?
Pasquale — (Jo credo che sto Peppino adda essere miezo pazzo!)
Michele —A proposito, princepà, ogge è scaduta la cambiale de D. Attanasio, che s’addà fa?
Pasquale — Comme che s'addà fa, damme ccà. (prende la cambiale) Peppì, va incassa sta cambiale (la dà).
Peppino — Subito (si leva il berretto si mette il cappello e via cantando sottovoce) Un principe di piacer! Oh! che piacer!... (via pel fondo).
Pasquale — No. chilo Aversa lo portano.
Michele — E chesto fa. canta sempe (ride).
Concettella — (con premura) Signò, signò...
Pasquale — Che è stato?
Concettella — La signora ha avuta na visita.